imm (11)Argentina anni ’70, in pieno dramma “desaparecidos”. Carlos Rueda ha un dono, riesce a “sentire” cosa è capitato alle persone rapite dal regime: basta che un familiare glielo venga a chiedere, gli stringa le mani per un po’ e gli riveli il nome. Anche sua figlia fa lo stesso, con lui, una volta che la mamma viene rapita: e tutto il film è anche questa ricerca faticosa, della moglie che forse è ancora viva, mentre più tardi la ragazza verrà rapita ed uccisa. Dopo mille violenze fisiche e sessuali e morali, la donna riuscirà a scappare e a farsi trovare dal marito all’interno di una coloratissima festa … Il soggetto del film – tratto, pare, da una storia vera – era estremamente “pericoloso”: raccontare un dramma ancora grondante di sangue con uno stile a metà fra il reale e il surreale, fra la morte e la speranza di libertà. Poteva venirne fuori qualcosa di interessante ed invece siamo di fronte ad un vergognoso fiasco, perchè Imaging Argentina sembra usare il dramma di un popolo a fini puramente spettacolari. Dico sembra perchè probabilmente quello che induce il film (un profondissimo fastidio, morale e cinematografico insieme) è solo frutto dell’impotenza del regista Christopher Hampton a muoversi fra territori così difficili ed indefiniti, dirigendo Antonio Banderas come se fosse un bambolotto involontariamente comico. Insomma, un film esemplare nel mostrare che cosa il cinema non dovrebbe mai essere. Da vedere per questo. Fonte Trama

Guarda il film completo:

Guarda il trailer:

Versione: DVDRip – Qualità: A.10 – V.10

Streaming:
Nowvideo
Videott
Speedvideo
Videopremium

Download:
Nowdownload
Depositfiles
Rapidgator

Immagini in Streaming ITA