LultimoinquisitoreSpagna, 1792. Il pittore Francisco Goya gode del suo momento di gloria grazie alla nomina di “pittore di corte”, nomina che gli permette di mantenere la sua vena artistica dipingendo il desolante scenario dela guerra e delle misere condizioni di vita cui è costretto il suo popolo. Un giorno, la sua musa ispiratrice – l’adolescente Ines – viene ingiustamente accusata di giudaismo e imprigionata dalla Santa Inquisizione. Durante la prigionia incontrerà fratello Lorenzo, astuto ed enigmatico membro dell’Inquisizione che abuserà della sua ingenuità per sfruttare il proprio potere ecclesiale. Ma un’incredibile vicenda costringerà l’uomo ad allontanarsi dalla Spagna, per farvi ritorno quindici anni più tardi sotto una veste completamente nuova. C’è davvero tutto nel Francisco Goya tratteggiato da Milos Forman: l’indipendenza artistica, il dovere di ritrarre la brutalità a cavallo del secolo, fra le ispirazioni illuministe e quelle ecclesiastiche, dalle barbarie dell’Inquisizione fino gli agi di una corte illuminata.
In fondo, ciò che traspare, è solo l’ineluttabile segno dei tempi, di esseri umani trattati come bestie, impotenti di fronte al divino e sottomessi al volere di altri uomini. C’è l’abile distruzione di ogni retorica e di ogni esemplificazione dogmatica, regalando un’estetica formalmente impeccabile che sfrutta gli occhi di un artista del suo tempo, per raccontare la fine della caccia alle streghe, l’ascesa di Napoleone e dei presunti diritti dell’uomo, fino a una restaurazione quasi obbligata, con l’arrivo delle truppe inglesi sul territorio spagnolo per cacciare gli “invasori” francesi.
Un intreccio che diverte e conquista con una dose di cinica ironia, con un debole manifesto per tutto ciò che – divenendo arte – elevi dalle brutture di un mondo alla mercé di se stesso. Il secolo dei grandi rivolgimenti politici prende le sembianze di un Cristo in croce privo di pietas, trafitto a morte dalle controversie dell’animo umano, costretto a mutar pelle a seconda delle esigenze, pur di sopravvivere alla foga dell’autodistruzione. Da Oscar l’interpretazione di Javier Bardem, nella parte di un inquisitore prima e di un illuminato dopo, irriconoscibile Natalie Portman, matura e straniante nelle vesti di una presunta eretica perseguitata. Un film che lascia storditi, col sorriso amaro di chi, grazie a una colpo di pennello, scopre insieme arte e miserie dell’esistenza…

 

 

Versione: Video: DvdRip – Audio: AC3 – Qualità V:10 – A:10

 

Streaming:
NowVideo: Parte1Parte2
PutLocker: Parte1Parte2

Download:
NowDownload: Parte1Parte2
LikeUpload: Parte1Parte2
Dupload: Parte1Parte2

L’ultimo inquisitore in Streaming ITA